Progetto adeguamento Ss.1 Aurelia

All'inizio del 2021 il comitato Maremma Viva ha definito un accordo con l'Università Roma 3 - cosiddetta terza via, rapporto tra Università e entità territoriali senza scopo di lucro, con obbiettivo la tutela e valorizzazione di territori di pregio e vulnerabili - per lo studio di un nuovo modello di infrastruttura, che viene ad incidere su di un t...

Continua a leggere

Tavolo tecnico per il deposito Nazionale di rifiuti radioattivi – Richiesta di attivazione

Il Coordinamento dei comitati e delle associazioni, chiede l'attivzione di un tavolo tecnico per il deposito Nazionale di rifiuti radioattivi al Presidente della Provincia di Viterbo per lavorare insieme al fine di tutelare l'ambiente, la salute e l'economia del territorio

Viterbo, deposito scorie nucleari. No della Regione

di Daniela Venanzi  Erano molti i consiglieri presenti alla riunione organizzata dalla provincia di Viterbo per dire no ai rifiuti di scorie nucleari, molti anche i rappresentanti dei vari Comuni e altrettanti quelli delle varie associazioni e comitati da sempre in prima linea in difesa del patrimonio della Tuscia. Quarantacinque in totale. L'...

Continua a leggere

No a scorie nucleari, appello a Draghi

I sindaci, le associazioni e i comitati della Tuscia che si battono contro il deposito nazionale delle scorie radioattive fanno appello al presidente del Consiglio Mario Draghi esprimendo la loro contrarietà ai metodi utilizzati perla compilazione della Cnapi (carta nazionale delle aree potenzialmente idonee) e chiedono un incontro per approfondire...

Continua a leggere

Appello Presidente Regione

Lo svolgimento del Seminario Nazionale ha sancito quanto sapevamo: tutti i territori sono contrari mentre Sogin, apparentemente appagata dal successo della organizzazione, va dritta per la sua strada. La lista dei candidati alla short list finale è già pronta. Ci avviciniamo così alla CNAI, dalla quale sarà più difficile uscire.Abbiamo anche consta...

Continua a leggere

Scorie radioattive, incontro in Provincia per ribadire il no al deposito netta Tuscia

A Palazzo Gentili con istituzioni, associazioni, amministratori e politici del territorio 

Nucleare: No dei Comitati alle scorie nel viterbese

 Oggi incontro a Viterbo per discutere del piano di Sogin (ANSA) - ROMA, 15 OTT - La Tuscia rischia di diventare il più grande deposito di scorie nucleari in Italia. Ventidue delle 67 aree individuate dalla Sogin, nell'ambito della Carta nazionale aree potenzialmente idonee, si trovano proprio nella provincia di Viterbo. Per protestare contro ...

Continua a leggere

Nucleare: Tuscia, Politica e cittadini contro invasione scorie nucleari (2)

(Adnkronos) - I comitati, si legge in una nota, "si sono riuniti in un coordinamento ed hanno ritenuto necessario creare, con la Provincia di Viterbo, un momento di approfondimento e spiegare tecnicamente i motivi dell'opposizione alla Cnapi contestando i criteri di scelta delle aree avvenuta secondo le previsioni della Guida Tecnica 29 e questo pr...

Continua a leggere

Nucleare: Tuscia, Politica e cittadini contro invasione scorie nucleari

Roma, 14 ott. (Adnkronos) - Politica e cittadini della Tuscia contro la possibile decisione di realizzare il più grande deposito di scorie nucleari in Italia. Ventidue delle 67 aree individuate dalla Sogin, la società dello Stato incaricata del decommissioning degli impianti nucleari, nella Cnapi (Carta Nazionale Aree Potenzialmente Idonee), si tro...

Continua a leggere

Tuscia, politica e cittadini contro l’invasione delle scorie nucleari

ROMA (ITALPRESS) – La Tuscia rischia di diventare il più grande deposito di scorie nucleari in Italia. Ventidue delle 67 aree individuate dalla Sogin (la società dello Stato incaricata del decommissioning degli impianti nucleari) nella CNAPI (Carta Nazionale Aree Potenzialmente Idonee), si trovano proprio nella provincia di Viterbo. Un record per i...

Continua a leggere

Tirrenica, il commissario promesso per settembre

  Il disastro infrastrutture L'incontro tra il ministro Giovannini e il presidente Giani A Luglio decreto perla staffetta Sat-AnasRestano incognite su progetti e finanziamenti

Corridoio tirrenico, eterno dimenticato. Il ministro nel mirino dei politici locali

Il nodo delle infrastrutture Spadoni (PD): "Giovannini mantenga la promessa fatta in Parlamento" Ulmi (Lega): "Troppe parole, servono i fatti"

Tirrenica, il ministero inventa altri ostacoli

Dopo le accuse dell'onorevole Andrea Romano (PD) a Giovannini "Ecco perchè non c'è il commissario" Nuovo giro di scartoffie, l'iter si allunga

Tirrenica, il commissario arriverà (forse) nel 2022

Nella bozza del ministro solo un "impegno a superare gli ostacoli per la nomina" Il commissario per la Tirrenica non c'è. Ci sarà, ma non c'è nel decreto per le 44 opere pubbliche "prioritarie" che il governo ha intenzione di realizzare. C'è, però, «l'impegno politico» a nominarlo, assicura Raffaella Paita (Italia Viva), presidente della commission...

Continua a leggere

Aurelia, Sat non ha più le concessioni

Il Presidente Bargone: "Sui tratti da completare da Tarquinia a San Pietro in Palazzi la Società è stata estromessa dal 2019"

Tirrenica appesa a un filo anche al governo Conte

 L'inchiesta L'"Autostradina" con un nuovo ministro si parteda zero. Riccardo Breda (Camera di Commercio): "Il territorio non accetta più promesse"

Tirrenica tutta a 4 corsie ma 2 lotti sono da decidere

L'incontro di Roma stabilisce ce a sud di Ansedonia ci sarà l'autostrada. Non si conosce ancora la soluzione per il tratto fino a Grosseto sud

Tag:

Autostrada, incontro al ministero "Soluzione a quattro corsie con la sostenibilità economica"

TIRRENICA, verso una rapida soluzione a quattro corsie. Sembra questo lo scenario uscito dall'incontro di ieri, a roma, al quale hanno partecipato il ministro delle Infrastrutture Graziano Delirio con il viceministro Riccardo Nencini, per valutare il tracciato dell'infrastruttura. ...

"Progetto Sat ormai bocciato Nencini se ne faccia una ragione"

Il Sindaco di Capalbio contro il sottosegretario. "Aurelia in sicurezza". 

Autostrada, ecco la prima modifica "Infrastruttura sicura a 4 corsie"

  Il Ministro Delrio dice che l'operà si farà. Ma intanto cambia nome